Un piccolo diedro

di Carlo Piovan

Uscire di casa in un ordinario giorno lavorativo, oltre che con la solita borsa da lavoro, anche con lo zaino e la corda , mi trasmette lo stato d’animo di quando si andava in gita scolastica. I pensieri che si legano alle prassi da sbrigare in ufficio, vengono saltati a piè pari dall’aspettativa di passare un pomeriggio a giocare con placche e fessure all’ombra delle fronde di un bosco di castagni.

Le ore pomeridiane che riesco a passare sulle pareti di Rocca Pendice, le vivo come un regalo prezioso, con lo stato d’animo leggero grazie all’ottima chiodatura a fix delle vie che permette di rilassarsi e concentrarsi sul movimento del corpo in parete, senza le complicazioni che regolarmente ogni fine settimana vado a cercarmi in giro per le Alpi.

Continua a leggere

Annunci

Il diedro fossile e un dizionario di geologia

di Saverio D’Eredità

Arrampichiamo nel solco di un diedro fossile, le cui pareti sono plasmate da milioni di esseri viventi che popolarono il mare del Devonico.
Arrampichiamo il tempo profondo, dal passato remoto ad un presente intangibile. Ascoltiamo con le mani questa lingua antica, fatta di miriadi di gusci, conchiglie, alghe calcificate.
Mi pare di vederli lavorare, pazientemente e per migliaia, milioni di anni, scalpellare questa gigantesca scogliera come scultori certosini in quei mari caldi.
Arrampichiamo il diedro fossile e il suo tempo materializzato. Continua a leggere

Il Diedro Infinito

di Saverio D’Eredità

Prologo

Come il pane o la poesia

Che silenzio che c’è qui. Che silenzio tra queste rocce, ultime a difendere la luce di un giorno che man mano svapora. Il buio risale dal profondo del terra. Procedo piano. Una pietra, smossa, precipita senza far rumore quasi fosse senza peso. Mi sento leggero anch’io, o forse sono solo svuotato e quella che sento è semplicemente fame. C’è un piacere sottile a percorrere con lentezza questi ultimi tiri, come a voler conservare un ricordo più a lungo di altri.
D’improvviso l’aria si riempie di una luce riflessa. “Guarda”, dico ad Andrea che sta rollando una meritata cicca di fine via. È l’ora in cui il sole giunge a riscattare l’altra faccia del diedro dall’ombra millenaria cui sembra condannata. Pochi istanti prima del tramonto a dar vita a queste pietre senza significato, se non per i nostri occhi e le nostre mani che oggi le sfiorano e le osservano. Lo spigolo del diedro, illuminato, si staglia come una prua nel vuoto e forse solo ora prendiamo coscienza di dove ci troviamo. Il Cozzolino, il diedro infinito, è ormai dietro di noi. Continua a leggere